Italia che vince a Londra. Ecco le immagini della personale di Ettore Spalletti da Marian Goodman

Il tempo è sospeso, la luce perfetta per l’atmosfera celestiale che si respira negli spazi di Marian Goodman a Golden Square, a Londra. Perfetta per la mostra personale di Ettore Spalletti, titolo Every dawn, is first/ Ogni alba, è la prima, con le opere che sembrano fluttuare negli spazi bianchissimi trovando un’armonia perfetta tra loro. È […]

Ettore Spalletti, Marian Goodman, Londra (foto Thierry Bal)

Il tempo è sospeso, la luce perfetta per l’atmosfera celestiale che si respira negli spazi di Marian Goodman a Golden Square, a Londra. Perfetta per la mostra personale di Ettore Spalletti, titolo Every dawn, is first/ Ogni alba, è la prima, con le opere che sembrano fluttuare negli spazi bianchissimi trovando un’armonia perfetta tra loro. È la prima grande monografica inglese di Spalletti dal 2005, quando espose all’Henry Moore Institute: molte le opere concepite dall’artista abruzzese per la mostra, ma molti anche i lavori degli ultimi 20, 30 anni, come L’Una nell’altro del 1992, o Bacile del 1993, o ancora Anfora del 1982. Che dialogano con i più recenti monocromi, Il colore e l’oro, Grigio caldo, Verso il blu di Prussia, Azzurro, Dentro l’Acqua, che alternano gli ormai iconici tagli dorati (cornici a sbalzo e rastremata) diventati la firma inconfondibile dei suoi ultimi lavori. Le tavole monocrome sono il risultato di un lungo processo di stesura del colore, che meticolosamente avviene una volta al giorno, sempre alla stessa ora. Oltre alle tavole sono presenti anche diverse opere su carta di ultima produzione e l’installazione Lago che occupa un’intera sala della galleria. La mostra resta visibile fino al prossimo 4 giugno: noi intanto vi anticipiamo tutto nella fotogallery…

Barbara Martorelli

mariangoodman.com

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI