Il grande teatro sul Lago d’Orta. Dalla Danimarca arriva Odin Teatret con il fondatore e anima Eugenio Barba, con una masterclass e lo spettacolo Ave Maria

“Se continuo a fare teatro è perché i miei piedi e quelli dei miei attori non si sono ancora stancati. Ci spingono verso il luogo dove non potremo arrivare”: Eugenio Barba, fondatore del danese Odin Teatret, sarà ospite del Teatro delle Selve nell’ambito della piccola stagione di San Maurizio d’Opaglio, in provincia di Novara. L’ottantenne […]

Eugenio Barba

Se continuo a fare teatro è perché i miei piedi e quelli dei miei attori non si sono ancora stancati. Ci spingono verso il luogo dove non potremo arrivare”: Eugenio Barba, fondatore del danese Odin Teatret, sarà ospite del Teatro delle Selve nell’ambito della piccola stagione di San Maurizio d’Opaglio, in provincia di Novara. L’ottantenne regista, teorico e scrittore italiano, a cui nel corso degli anni sono stati assegnati decine di premi e riconoscimenti in tutto il mondo, dal 1964 guida un ensemble composto da decine di membri provenienti da tutti i continenti che ha creato ad oggi settantaquattro spettacoli rappresentati in sessantatre Paesi. Barba sarà accompagnato da Julia Varley, attrice storica del gruppo, per un denso programma che comprende una masterclass, lo spettacolo Ave Maria e la dimostrazione di lavoro Il fratello morto.

INTENSA DUE GIORNI FRA IL 7 E L’8 MAGGIO
Lo spettacolo”, suggerisce il regista, “evoca l’incontro e l’amicizia con l’attrice cilena María Cánepa. È la Morte a celebrare la fantasia creativa e la dedizione di María che seppe lasciare una traccia dopo la sua partenza”. Nella dimostrazione di lavoro Il fratello morto Julia Varley ripercorre le tappe della costruzione di uno spettacolo all’Odin Teatret: “Presento i diversi momenti di un processo in cui testo, attore e regista interagiscono. Mostro i primi passi del performer che si misura con l’aspetto più elementare del proprio compito, la creazione della presenza, fino al punto d’arrivo quando il testo, attraverso la forma e la precisione delle azioni, acquista ritmi e densità di significati”. L’intensa due giorni è in programma il 7 e l’8 maggio. Iscrizioni e prenotazioni sono già aperte.

Michele Pascarella

http://www.teatrodelleselve.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Michele Pascarella
Dal 1992 si occupa di teatro contemporaneo e tecniche di narrazione sotto la guida di noti maestri ravennati. Dal 2010 è studioso di arti performative, interessandosi in particolare delle rivoluzioni del Novecento e delle contaminazioni fra le diverse pratiche artistiche.