È in Svizzera il primo museo al mondo dedicato a Charlot. Ecco le foto di Chaplin’s World: con l’allestimento multimediale di François Confino

Ha aperto oggi al pubblico in Svizzera il primo museo al mondo interamente dedicato a Charlot. Si chiama Chaplin’s World e si trova a Corsier-sur-Vevey, in Svizzera, sulle sponde del lago di Ginevra, nella casa dove l’attore, comico, regista, sceneggiatore, compositore e produttore cinematografico britannico ha trascorso gli ultimi anni della sua vita, dall’anno dell’esilio […]


Ha aperto oggi al pubblico in Svizzera il primo museo al mondo interamente dedicato a Charlot. Si chiama Chaplin’s World e si trova a Corsier-sur-Vevey, in Svizzera, sulle sponde del lago di Ginevra, nella casa dove l’attore, comico, regista, sceneggiatore, compositore e produttore cinematografico britannico ha trascorso gli ultimi anni della sua vita, dall’anno dell’esilio dagli Stati Uniti nel 1952, fino alla sua morte avvenuta la notte di Natale del 1977. Il museo si divide in due parti: quella specificatamente museale, costituita dalla residenza Manoir de Ban – l’edificio storico dove l’artista ha vissuto con la moglie Oona e i loro otto figli – è dedicata al Chaplin uomo e si compone di arredi originali e in parte ricostruiti, grazie all’essenziale contributo della famiglia; quella relativa al parco tematico sorge, invece, in un’ala nuova – The Studio – e racconta il Chaplin artista, attraverso il cinema da 150 posti, scenografie multimediali e interattive che riproducono i set hollywoodiani dei suoi film più famosi, tratti dalla sua sterminata opera, composta da oltre ottanta tra cortometraggi e lungometraggi.

3MILA METRI QUADRATI, UN PARCO DI 6 ETTARI
L’allestimento, ad opera della torinese Bodino Engineering Srl, è stato ideato da François Confino, uno dei più apprezzati specialisti al mondo in allestimenti museali, già autore del Museo Nazionale del Cinema di Torino, del Museo dell’Automobile, sempre di Torino, e del Wine Museum di Barolo. Nato da un’idea di un imprenditore culturale canadese, Yves Durand e del suo partner architetto Philippe Meylan, Chaplin’s World è stato realizzato per la francese By Grévin, leader in parchi tematici e famosa per i musei delle cere, e si estende su un’area di 3mila metri quadrati, all’interno di un parco di 6 ettari.

– Claudia Giraud

http://www.chaplinsworld.com/

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).