Verso un nuovo museo per Fabriano? Da Giovanni Boldini ad Alberto Burri, a Piero Dorazio, ecco la collezione di Ester Merloni, erede della dinastia industriale

Un’importante donazione crea un nuovo focus sull’arte del Novecento nel centro Italia: l’eredità di Ester Merloni, primogenita di una stirpe imprenditoriale che ha legato a doppio filo, economico e politico, il suo destino a quello della cittadina marchigiana, va a comporre l’embrione di una preziosa collezione civica. Sotto il nome de “La casa di Ester”, […]

Un’importante donazione crea un nuovo focus sull’arte del Novecento nel centro Italia: l’eredità di Ester Merloni, primogenita di una stirpe imprenditoriale che ha legato a doppio filo, economico e politico, il suo destino a quello della cittadina marchigiana, va a comporre l’embrione di una preziosa collezione civica. Sotto il nome de “La casa di Ester”, fino all’8 novembre sono visibili nei locali della Pinacoteca Civica di Fabriano un trentina di opere rappresentative del secolo scorso: con una coda nell’ottocento rappresentata da un ritratto di signora di Giovanni Boldini.
L’esposizione parte dagli anni Venti-Trenta di Balla, de Chirico, De Pisis e Savinio per approdare al dopoguerra con Lucio Fontana, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Emilio Vedova, e una nutrita presenza di opere di Piero Dorazio, di cui la signora era collezionista ed amica. Il percorso tocca poi gli anni Sessanta con Piero Manzoni, Afro Basaldella e Giulio Turcato, la scultura degli anni Ottanta con Edgardo Mannucci, Giacomo Manzù, Arnaldo Pomodoro, per concludere con l’ultimo decennio di Domenico Bianchi, Enrico Castellani, Carlo Maria Mariani e Nunzio.
Salutata come speranza di ripresa dalla crisi in un territorio in cerca di nuove vie di sviluppo, l’operazione presenta, nell’allestimento e nell’organizzazione, ancora qualche incertezza e poca chiarezza di intenti. L’auspicio è che la volontà politica sappia accogliere e valorizzare al meglio ciò che ha le potenzialità per divenire un punto di eccellenza culturale nel territorio.

Valeria Carnevali

 

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valeria Carnevali
Sempre attratta dalle forme della cultura contemporanea come espressione delle dinamiche umane, in una prima vita ho vissuto e lavorato a Milano per inseguire da vicino l’evolversi del presente, collaborando con gallerie, spazi espositivi ed editori specializzati in arte e attualità. Dal 2007 ho stabilito una nuova dimensione nella natura montana del centro Italia, occupandomi di didattica, educazione e formazione delle generazioni più giovani e viaggiando il più possibile. Conduco una vita raminga tra l’Appennino umbro-marchigiano e l’Oceano Atlantico, trovata nella città di Lisbona una seconda casa dal 2017. Sono convinta che l’educazione estetica, all’arte e attraverso l’arte, sia una chiave fondamentale di sviluppo del pensiero critico e della coesistenza democratica. Scrivo per Artribune dal 2012.