Tutte le immagini della Galleria del Sale. Anche Cagliari sceglie la Street Art per un progetto di riqualificazione urbana, con quindici artisti all’opera nei quartieri di Sant’Elia e La Palma

Un progetto di riqualificazione urbana attraverso un’operazione di Street Art. Una cosa assai in voga di questi tempi, che a Cagliari ha dato vita ad un percorso a cielo aperto nelle strutture portanti dei cavalcavia del tratto che dal porto di Su Siccu conduce al Parco di Molentargius e del Ponte Vittorio. Una zona periferica […]

Un progetto di riqualificazione urbana attraverso un’operazione di Street Art. Una cosa assai in voga di questi tempi, che a Cagliari ha dato vita ad un percorso a cielo aperto nelle strutture portanti dei cavalcavia del tratto che dal porto di Su Siccu conduce al Parco di Molentargius e del Ponte Vittorio. Una zona periferica tra i quartieri di Sant’Elia e La Palma, per un progetto che ha visto la partecipazione di quindici artisti, perlopiù cagliaritani, selezionati dall’Associazione Urban Center per la realizzazione de La Galleria del Sale, che identifica la zona in cui si snoda, ovvero la via del Sale, collegata da una pista ciclo-pedonale. Grazie al finanziamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale), nell’ambito di “Iniziative di creatività urbana – Inter20”, le zone dove si stratificavano manifesti abusivi e sporcizia sono state ripulite e ora esibiscono i murales che sviluppano un’unica tematica, quella della natura nell’eterno rapporto conflittuale con l’uomo, per una riflessione sulla salvaguardia dell’ambiente e sulla valorizzazione del territorio.
Suddiviso in due tranche, il progetto ha preso il via il 22 agosto proseguendo fino al 24 con le opere di Tellas, La Fille Bertha, Zed1, Bof, Ufoe, Conan e Marcello Marinelli e si è concluso tra il 29 e il 31 dello stesso mese con l’intervento di Manuinvisibile, Neeva, Eisenauer, Daniele Gregorini, Skan, Crisa, Enea e Billyandalex, ognuno con la propria riconoscibilissima cifra stilistica. Articolato in due tipologie d’opere, quelle rivolte verso la strada più immediate e di facile comprensione e quelle verso la pista ciclo-pedonale più dettagliate, il laboratorio urbano ha raccolto consenso e partecipazione da parte dei cittadini che incuriositi sono entrati in contatto con gli artisti durante il loro intervento. Ciò farebbe auspicare il primo germe di creatività e sperimentazione che interagisca col contesto urbano, modifichi la percezione dello spazio pubblico, eliminando il grigiore del cemento che persiste nelle zone di periferia e degrado, quando non in stato di totale abbandono, e restituire la dovuta dignità al territorio.

Roberta Vanali

http://urbancenter.eu/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.