L’atelier rinascimentale di Marcello Tommasi diventa ETRA evénts Firenze, casa-museo e galleria. Insieme alla collezione del maestro, una serie di mostre. Cominciando dalla personale di Roberto Ferri

Uno spazio con una storia antica, intimamente legato alle vicende artistiche di una Firenze di cinque secoli fa. Qui, in una corte di Via della Pergola, Benvenuto Cellini fuse l’aitante Perseo che mostrava orgoglioso la testa di Medusa dalla Loggia dei Lanzi, in Piazza della Signoria. Quel laboratorio, che vide passare storie di artisti e di artigiani […]

Roberto Ferri

Uno spazio con una storia antica, intimamente legato alle vicende artistiche di una Firenze di cinque secoli fa. Qui, in una corte di Via della Pergola, Benvenuto Cellini fuse l’aitante Perseo che mostrava orgoglioso la testa di Medusa dalla Loggia dei Lanzi, in Piazza della Signoria. Quel laboratorio, che vide passare storie di artisti e di artigiani nel cuore del Rinascimento, fu acquistato nei primi anni Settanta dallo scultore e pittore Marcello Tommasi, che ne fece il suo studio per quasi quarant’anni, lasciandovi una ricca collezione di marmi, gessi, bronzi, disegni, bozzetti, dipinti e incisioni.
Lo studio è stato di recente recuperato, grazie a un lavoro di restauro conservative e  di archiviazione delle opere custodite al suo interno, lasciando  il più possibile integri architetture, suddivisione degli ambienti, disposizione degli arredi.  Oggi, a sei anni dalla scomparsa di Tommasi, questo spazio si apre ala città e diventa un luogo di memoria, impregnato della gloriosa tradizione artistica e intellettuale fiorentina, e insieme colmo di testimonianze che appartengono alla ricerca e alla biografia dell’artista, originario di Pietrasanta. Un luogo, infine, ribattezzato ETRA evénts Firenze, in cui si altereranno una serie di mostre, come in una vera e propria galleria-museo.

L'Atelier di Marcello Tommasi, a Firenze
L’Atelier di Marcello Tommasi, a Firenze

Artefice dell’operazione è la nipote di Marcello Tommasi, Francesca Sacchi Tommasi, che coadiuvata della storica dell’arte Elisa Gradi e con la collaborazione degli eredi, ha coordinato i lavori di restauro e di catalogazione, lanciando poi questa nuova avventura espositiva. Un omaggio al nonno, alla sua storia, alla città in cui scelse di vivere, ricevendone straordinari input e restituendole opere dense di rigore classico e di sospensione  metafisica (alcune conservato a Palazzo Pitti e nel gabinetto dei disegni e delle stampe agli Uffizi), fino a diventare, per molti anni di fila, Presidente dell’Accademia fiorentina delle arti del disegno.
Dopo la riapertura al pubblico dell’atelier – visitabile  da martedì al sabato, dalle 15 alle 20 – ETRA evénts inaugura la stagione delle mostre con i dipinti di Roberto Ferri, artista figurativo, che nella perfetta resa anatomica, nel realismo quasi fotografico, nell’uso dei neri e dei tagli luminosi, nelle ambientazioni teatrali, palesa ispirazioni classiche o barocche, puntando tutto sul citazionismo e su atmosfere volutamente inattuali.
La mostra, realizzata in collaborazione col gallerista Franco Senesi, mette insieme quindici dipinti su tela, esposti fino al prossimo 26 aprile.

Iscriviti a Incanti. Il settimanale di Artribune sul mercato dell'arte

 
 

– Helga Marsala

“Roberto Ferri e l’eternità della pittura”
Studio Marcello Tommasi / ETRA evénts Firenze – via della Pergola, 57
opening: 28 marzo 2014, ore 18
www.etraeventsfirenze.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d’arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all’Accademia di Belle Arti di Palermo e di Roma (dove è stata anche responsabile dell’ufficio comunicazione). Collaboratrice da vent’anni anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo, fino al 2010, come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la testata culturale Artribune, dove ancora oggi lavora come editorialista, collaborando col team di direzione e operando come curatrice e project manager nel nuovo comparto aziendale Artribune Produzioni. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica, politica, costume, comunicazione, attualità e linguaggi creativi contemporanei. Presso Riso Museo d’Arte contemporanea della Sicilia è stata curatrice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti, prevalentemente presso spazi pubblici italiani, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. È stata membro di commissioni e giurie per premi/residenze d’ambito nazionale, riservati ad artisti. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell’Assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana.