Furini Contemporary, ritorno alle origini. Immagini dall’opening della nuova sede della galleria, una chiesa sconsacrata nella “natia” Arezzo

Noi la cosa l’avevamo anticipata già a novembre, intercettando i protagonisti dalle parti di Artissima, ora si giunge a compimento: la galleria Furini Contemporary ritorna ad Arezzo, dove aveva debuttato prima della lunga parentesi romana in Via Giulia. E avevamo anticipato anche l’insolita sede scelta, ovvero la chiesa sconsacrata, cinquecentesca, della Madonna del Duomo Vecchio, […]

Noi la cosa l’avevamo anticipata già a novembre, intercettando i protagonisti dalle parti di Artissima, ora si giunge a compimento: la galleria Furini Contemporary ritorna ad Arezzo, dove aveva debuttato prima della lunga parentesi romana in Via Giulia. E avevamo anticipato anche l’insolita sede scelta, ovvero la chiesa sconsacrata, cinquecentesca, della Madonna del Duomo Vecchio, nel cuore della città: è qui che ora l’attività riprende con la mostra La XIII luna, che include opere di Lupo Borgonovo, Enzo Cucchi, Raphael Hefti, Morten Norbye Halvorsen, Gianni Politi e Jessica Warboys. In stretto dialogo con la natura del luogo e lo spazio fisico che la ospita, la mostra – curata da Rita Selvaggio e visibile fino al 29 marzo – “esplora elegiacamente il passaggio e la registrazione del tempo suggerendo la possibilità di una differente narrativa”. Non potevamo mancare a brindare alla nuova sede: ecco qualche immagine dall’opening…

Fino al 29 marzo 2014
Via Oberdan 61 – Arezzo
www.furiniartecontemporanea.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.