Ecco le immagini della preview del Macro. Giulio Paolini, Jorinde Voigt, gli artisti in residenza: il chiccera della serata romana

Mentre da Roma arrivano notizie – ve le anticipavamo ieri – di schiarimenti sul futuro, con la scelta di indire un bando internazionale per il direttore, Il Macro inaugura le sue mostre autunnali. C’era grande attesa per quella di Giulio Paolini: un’esposizione asciutta, composta, ma comunque di grande impatto, con grandi installazioni che fanno sembrare […]

Mentre da Roma arrivano notizie – ve le anticipavamo ieri – di schiarimenti sul futuro, con la scelta di indire un bando internazionale per il direttore, Il Macro inaugura le sue mostre autunnali. C’era grande attesa per quella di Giulio Paolini: un’esposizione asciutta, composta, ma comunque di grande impatto, con grandi installazioni che fanno sembrare gli spazi piccoli, piccoli. Intima ed energetica allo stesso tempo la stanza di Jorinde Voigt, artista tedesca sempre più bella e sempre più brava (coppia nella vita con l’altrettanto famoso Christian Jankowski) che qui presenta una serie di nuovi quadri che determinano un significativo scarto rispetto ai lavori precedenti. E poi (mentre nel cortile si monta l’opera vincitrice di Enel Contemporanea, opening il 4 dicembre) i quattro studi d’artista, dove i giovani ospiti dimostrano un impegno niente male, specie per quanto riguarda i due artisti italiani Riccardo Beretta e Jacopo Miliani (ai quali si affiancano Hilla Ben Ari e Sahej Rahal). Altre impressions? Cercatele nella ricca fotogallery, così potete scoprire anche chiccera…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.