La scena musicale industrial italiana perde Marco Veronesi. Uno dei fondatori della storica etichetta ADN si è spento ieri dopo una grave malattia

L’industrial italiano consiste in una musica sperimentale elettronica e in una serie di artisti di cui è molto difficile reperire materiale e informazioni, a differenza dell’omologa scena europea. Etichette discografiche come la ADN (Inizialmente il nome era l’acronimo di A Dull Note, ma alla fine degli anni ’80 divenne Auf Dem Nil), avevano colmato questa […]

L’industrial italiano consiste in una musica sperimentale elettronica e in una serie di artisti di cui è molto difficile reperire materiale e informazioni, a differenza dell’omologa scena europea. Etichette discografiche come la ADN (Inizialmente il nome era l’acronimo di A Dull Note, ma alla fine degli anni ’80 divenne Auf Dem Nil), avevano colmato questa lacuna. Proponendo gruppi come Tasaday, F:A.R., Sigillum S e artisti come Riccardo Sinigaglia e Cristina Kubisch. Ora, però, Marco Veronesi, uno dei fondatori dell’etichetta insieme a Piero Bielli, Alberto Crosta, Rudi Pavesi, e animatore della scena industrial e sperimentale negli anni ’80, non c’è più. Dopo aver lottato a lungo contro una grave malattia si è spento ieri. Le esequie si terranno domani, sabato 5 ottobre alle 11 nel Cimitero di Lambrate a Milano.

– Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).