Fiera o happening culturale? The Others svolta nei contenuti e nel contenitore. Mostre e non stand, allestimenti e catering curati. E tanti premi-residenza, tra cui quello del gelato Pepino

Nuova direzione artistica, tanti premi in più, un allestimento molto connotato e curato e un’area food&beverage di qualità. Sono le novità di The Others, la fiera per espositori e artisti emergenti che da quest’anno è piuttosto “un happening culturale costituito da un insieme di mostre, che abbandona definitivamente la parola ‘stand’”, si legge nella presentazione […]

Nuova direzione artistica, tanti premi in più, un allestimento molto connotato e curato e un’area food&beverage di qualità. Sono le novità di The Others, la fiera per espositori e artisti emergenti che da quest’anno è piuttosto “un happening culturale costituito da un insieme di mostre, che abbandona definitivamente la parola ‘stand’”, si legge nella presentazione curata dal direttore artistico Olga Gambari e dal comitato scientifico formato da Roberta Pagani e Stefano Riba. Che hanno invitato ciascun espositore (una quarantina tra spazi profit e no-profit, associazioni e fondazioni, artist-run-spaces) a presentare la propria idea del tema della rassegna – BOOM! – proponendo un progetto con un titolo ben preciso, un artista, un lavoro per ogni cella. Sempre gli stessi, invece, gli orari (fascia notturna che va dalle 18 all’una, dall’8 al 10 novembre) e la location (ex carcere Le nuove), che accoglierà un fitto programma di performance artistiche e teatrali, di danza e musicali, presentazioni, letture, proiezioni video, musica dal vivo e dj set nel teatro interno arredato, insieme ai corridoi, dalla creatività di Erareclam con tavoli, comodi divani e pouf ricavati da materiale di scarto.
Accanto a quest’area si collocherà la cucina del giovane chef torinese Luca Loris Barbiero (protagonista anche della mostra fotografica Eat Piemonte OneYear – In Itinere) che, invitato dalla società di catering Events and us, proporrà quattro piatti caldi del suo ristorante iFood, accompagnati dai suoi famosissimi cocktail solidi al Mojito e al San Simone. Qui si potranno anche gustare e comprare le rivisitazioni dello storico gelato Pinguino di Pepino nello spazio ad hoc pensato per l’occasione: il tipico carretto da gelataio, accompagnato dalle wooden popsicles dell’artista milanese Johnny Hermann. Ci sarà pure un premio che lega l’antico marchio torinese a The Others: Pepino Loves Culture. Una giuria formata dal titolare dell’azienda Edoardo Cavagnino, Olga Gambari e il street artist Gec selezionerà un artista per una residenza di cinque settimane a Torino, durante la quale realizzerà un’opera legata a questo gelato su stecco ricoperto di cioccolato, brevettato nel 1939. Il risultato sarà presentato nel corso di una mostra in primavera presso la Gelateria Pepino e a The Others 2014.
Ma i premi non finiscono qui perché, oltre a quello rilasciato dalla rivista Rolling Stone, giunto alla sua terza edizione, che curerà anche il party di apertura il 7 novembre alle 21, ce ne saranno tanti altri nuovi. Il Sarpi Bridge-oriental design week che farà partecipare il vincitore al prossimo Fuorisalone milanese; il Premio Residenza IGAV per un giovane artista under 30; quello che premierà il migliore allestimento all’interno della cella, frutto del lavoro sinergico gallerista/curatore/artista, per realizzare una mostra a Torino nell’aprile 2014 all’interno di Officina – Spazio Bianco in zona San Salvario; il Premio Rock The Academy dedicato agli studenti delle accademie italiane; infine, il Premio The Others Crowdfunding, per offrire ad un giovane artista, scelto dai donatori, direttamente in mostra o attraverso la documentazione fotografica via internet, una residenza di cinque settimane in città.

– Claudia Giraud

www.theothersfair.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).