I soliti noti? Alcuni sì, altri no: ecco i quaranta finalisti del Premio Celeste 2013, che a ottobre si contenderanno i 20mila euro di premi

L’ultimo atto si avvicina: mostra finale e premiazione sono in calendario dal 5 al 13 ottobre al PAN, il Palazzo delle Arti di Napoli. Parliamo – qualcuno lo avrà capito – dell’edizione 2013 del Premio Celeste, che anche nell’edizione curata da Andrea Bruciati, quella del decennale, mantiene il format che prevede che i vincitori siano […]

La mostra finale del Premio Celeste 2012

L’ultimo atto si avvicina: mostra finale e premiazione sono in calendario dal 5 al 13 ottobre al PAN, il Palazzo delle Arti di Napoli. Parliamo – qualcuno lo avrà capito – dell’edizione 2013 del Premio Celeste, che anche nell’edizione curata da Andrea Bruciati, quella del decennale, mantiene il format che prevede che i vincitori siano decretati dal voto degli stessi artisti finalisti.
Ora arriva la composizione, delle pattuglie dei finalisti, suddivisi per le diverse categorie. Per la sezione Pittura & Grafica in lizza ci sono Lorenzo Aceto, Paola Angelini, Nicolo Bruno, Cosimo Casoni, Luca De Angelis, Ping Li, Pietro Manzo, Tiziano Martini, Dario Pecoraro, Simone Zaccagnini, mentre per Fotografia & Grafica digitale i prescelti sono Filippo Armellin, Matteo Cirenei, Carlo Fiele, Foto Marvellini, Michele Lombardo, Elisa Maccioni, Silvia Mariotti, Francesco Radici, Jaqueline Tune, Oskar Verant.
Dieci i selezionati anche per Video & Animazione: Erica Bellan, Andrea Bianconi, Nicolò De Napoli, Riccardo Giacconi, Nicola Gobbetto, Nicola Ruben Montini, Lorenzo Morri, Elisa Strinna, Thunderground Production, Xu Wang. Per Installazione, Scultura & Performance, infine, in corsa ci sono Francesco Cagnin, Sebastian Contreras, Christian Fogarolli, Giorgio Guidi, Adriana Iaconcig, Dario Lazzaretto, Elena Mazzi, Yari Miele, Ryts Monet, Davide Spillari.

www.premioceleste.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.