Biennale stakanovista. Apertura straordinaria, tra agosto e settembre: turisti coccolati, con orari prolungati. L’Arsenale chiude tre ore più tardi nel weekend

Comunicazione da segnarsi sul taccuino, per tutti i vacanzieri di passaggio a Venezia. O almeno, per i tanti che,soggiornando in Laguna, non perdono l’occasione di addentrarsi tra le molte sedi del Palazzo Enciclopedico di Massimiliano Gioni. Musei, palazzi e scorci pittoreschi a Venezia ce ne sono a volontà, e il tempo, scarpinando tra calli, ponti […]

L'ingresso dell'Arsenale con il Palazzo Enciclopedico di Marino Auriti

Comunicazione da segnarsi sul taccuino, per tutti i vacanzieri di passaggio a Venezia. O almeno, per i tanti che,soggiornando in Laguna, non perdono l’occasione di addentrarsi tra le molte sedi del Palazzo Enciclopedico di Massimiliano Gioni. Musei, palazzi e scorci pittoreschi a Venezia ce ne sono a volontà, e il tempo, scarpinando tra calli, ponti e campielli, è sempre troppo poco. E allora la Biennale va incontro al suo pubblico e allunga gli orari d’apertura dell’Arsenale. Fino al 28 settembre, per tutti i venerdì e i sabato, cancelli chiusi non più alle 18, come di consueto, ma alle 21, con apertura invariata alle 10 del mattino. Resta invece tutto uguale ai Giardini. Dunque, un segnale in controtendenza per la più grande kermesse italiana d’arte contemporanea, che anziché rallentare per le ferie, intensifica i ritmi di lavoro: politiche intelligenti, a favore di turista. Servizi bar e bookshop coinvolti anch’essi nel nuovo orario di fine estate, per offrire tutti i servizi utili ai visitatori.

www.labiennale.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.