Lo Strillone: la cattiva politica fa perdere soldi alla cultura, La Stampa sogna una class action contro Ornaghi. E poi petizione per un Museo de Chirico, a Sgarbi piace il Tiziano romano, videogiochi al MoMA…

“Elencare i peccati di Ornaghi in opere e omissioni sarebbe un lungo rosario”: così su La Stampa Rocco Moliterni, che sogna una class action per risarcire l’Italia dei danni compiuti da un ministro “inesistente”. In termini di economia della cultura perché non calcolare, insieme alle ricadute positive dell’arte su turismo e consumi, anche gli effetti […]

Quotidiani
Quotidiani

Elencare i peccati di Ornaghi in opere e omissioni sarebbe un lungo rosario”: così su La Stampa Rocco Moliterni, che sogna una class action per risarcire l’Italia dei danni compiuti da un ministro “inesistente”. In termini di economia della cultura perché non calcolare, insieme alle ricadute positive dell’arte su turismo e consumi, anche gli effetti depressivi che hanno sul comparto le scelte errate della politica?

Dateci un museo per Giorgio de Chirico! Petizione romana per ricordare degnamente il papà della metafisica: su L’Unità l’appello lanciato, tra gli altri, da Paolo Portoghesi e Renato Barilli. Intanto Corriere della Sera si accorge che i videogame sono entrati nella collezione del MoMA.

Recensione d’autore per Il Giornale: a Vittorio Sgarbi piace il Tiziano che inaugura a giorni a Roma; a spasso per la Città Eterna pure Il Fatto Quotidiano: echi cinematografici tra la mostra su Vittorio De Sica all’Ara Pacis e quella per Alberto Sordi al Vittoriano. Sullo sfondo della retrospettiva che Ferrara dedica a Michelangelo Antonioni.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.