Lo Strillone: Umbria in pista per il centenario della nascita di Alberto Burri su Avvenire. E poi i russi si comprano la Versilia, Wang Shu Pritzker Prize in Triennale, i romanzi di Alfonso Luigi Marra…

Senza Lucrezio sarebbe stata tutta un’altra storia. Sul Corriere della Sera Paolo Mieli rilegge il peso che ha avuto, per la maturità del Rinascimento, la riscoperta del De Rerum Natura, partendo dalla lettura del recentissimo “Il manoscritto”  (Rizzoli), testo a tema firmato Stephen Greenblatt. Consigli per la lettura anche su L’Unità, che si occupa del caso […]

Quotidiani
Quotidiani

Senza Lucrezio sarebbe stata tutta un’altra storia. Sul Corriere della Sera Paolo Mieli rilegge il peso che ha avuto, per la maturità del Rinascimento, la riscoperta del De Rerum Natura, partendo dalla lettura del recentissimo “Il manoscritto”  (Rizzoli), testo a tema firmato Stephen Greenblatt. Consigli per la lettura anche su L’Unità, che si occupa del caso che sta scuotendo la Versilia: con il suo “Morte dei Marmi” (Garzanti) Fabio Genovesi racconta l’imbarbarimento del litorale comprato, a peso d’oro, dai russi.

In attesa che inauguri la sua mostra in Triennale stanno tutti addosso a Wang Shu: apertura su Il Giornale ed interviste su La Stampa e Corriere per il grande architetto cinese, fresco vincitore del Pritzker Prize.

Avvenire anticipa gli appuntamenti con cui l’Umbria ricorderà il centenario della nascita di Burri; su Libero l’ultima “sgarbata”: Vittorio testimonial dei tremebondi romanzi di Alfonso Luigi Marra.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.