Firmato Hotel Bauer. Crescono ancora gli spazi per la cultura a Venezia: ed a battezzare il Zuecca Project Space arriva Rirkrit Tiravanija

Non solo Pinault, Arnault e Prada. Venezia è sempre più un laboratorio di creatività, anche nel proporre sempre nuovi spazi espositivi. E anche grazie a “veneziani” come Francesca Bortolotto Possati, proprietaria del monumentale cinquestelle Hotel Bauer e imprenditrice che ha deciso di far nascere da un ex convento alla Giudecca, di fronte a Piazza San […]

Rirkrit Tiravanija
Rirkrit Tiravanija

Non solo Pinault, Arnault e Prada. Venezia è sempre più un laboratorio di creatività, anche nel proporre sempre nuovi spazi espositivi. E anche grazie a “veneziani” come Francesca Bortolotto Possati, proprietaria del monumentale cinquestelle Hotel Bauer e imprenditrice che ha deciso di far nascere da un ex convento alla Giudecca, di fronte a Piazza San Marco, il Bauer Palladio Hotel & Spa. Tra le sue mura antiche sorge il Zuecca Project Space, ulteriore tentativo di promozione e conferma che l’isola vuole avviarsi verso una sorta di rinascimento artistico. Alessandro Possati, direttore artistico di Zuecca, lo spiega così: “alla Giudecca è in corso un’operazione mirata a trasformare l’isola, ancora genuinamente veneziana e lontana dallo sfruttamento turistico di massa, nella SoHo lagunare. Le gallerie d’arte contemporanea insediate lungo la fondamenta, la Casa dei Tre Oci, e la Zuecca appunto, sono il segno tangibile di una trasformazione in atto”.
Nei giorni a cavallo tra l’inaugurazione della Biennale di Architettura e della Mostra del Cinema (preview il 27 agosto e fino al 5 ottobre proiezioni no stop con ingresso gratuito) Zuecca Project Space ospiteràin prima nazionale, il nuovo progetto di Rirkrit Tiravanija (Buenos Aires, 1961; vive tra New York e Chiang Mai). Uno dei campioni dell’arte relazionale presenterà “Untitled 2012 (a study for Karl’s perfect day) or (the incomparable Karl Holmqvist)”. Tiravanija, che aveva già “filmato” John Giorno in una intensa mostra personale da Gavin Brown a New York, torna a “incontrare”, sulla pellicola, un altro poeta che si potrebbe ben definire “totale”: lo svedese Karl Holmqvist (1964, vive a Berlino). Già ospite della Biennale di Bice Curiger, dove aveva parlato di Rimbaud insieme a Patty Smith e mostrato alcuni lavori nel padiglione centrale, Holmqvist viene ritratto da Tiravanija in una sua “giornata ideale”. Anche l’artista americano tailandese è noto in laguna, dove lo scorso anno aveva presentato il suo lungometraggio “Lung Neaw visits his neighbours” nella sezione Orizzonti. “Quello che interessa Rirkrit non è l’arte in sé, ma la vita che si svolge intorno e fuori da essa e che diventa il suo discorso sull’arte” spiega il curatore Maurizio Bortolotti, il che spiega i salti quantistici operati da una figura come Tiravanija, che aveva esordito in laguna, al fianco di Hans Ulrich Obrist e compagni, inStazione Utopia invitata dal direttore di allora, Francesco Bonami.

– Nicola Davide Angerame

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Nicola Davide Angerame
Nicola Davide Angerame è filosofo, giornalista, curatore d'arte, critico della contemporaneità e organizzatore culturale. Dopo la Laurea in Filosofia Teoretica all'Università di Torino, sotto la guida di Gianni Vattimo con una tesi sul pensiero di Jean-Luc Nancy, inizia la collaborazione con quotidiani e riviste scrivendo d'arte ma anche di cinema, architettura e cultura contemporanea. In vent'anni di attività ha fondato e diretto, su modello delle Kunsthalle tedesche, la Galleria Civica di Alassio e la Galleria Civica di Andora. Ha fondato e diretto l'associazione culturale "whitelabs. Culture in progress" con sede e spazio espositivo a Milano. Fino ad oggi ha progettato e curato decine di eventi culturali e più di cento mostre personali e collettive di artisti e fotografi, italiani e stranieri, collaborando con istituzioni private e pubbliche in Italia e all'estero. Ha tenuto conferenze sui temi dell'arte e della filosofia in istituzioni italiane e straniere ed ha curato progetti culturali e mostre a New York, Seoul, Bangkok, Parigi, Berlino e Londra. Dopo aver vissuto e lavorato tra Milano e New York, attualmente vive e lavora a Torino, dove insegna Storia dell'Arte Contemporanea presso il Collegio Universitario Luigi Einaudi e dove tiene seminari presso l'Università degli Studi di Torino (cattedra di Estetica). Suoi articoli sono apparsi su Robinson (La Repubblica), L'Unità, Il Manifesto, Art Presse (Paris), Il Mucchio Selvaggio, Exibart, Arte e Critica, Artribune, Segno, FC Fotografia e [è] Cultura.