Affordable Art Fair Updates: non ci credete? Fuori dal Superstudio beccato un bagarino a vendere biglietti a 5 euro

Sulle prime la reazione è stata di indignazione: possibile? Possibile che questo malcostume tipicamente da stadio, abbia contagiato anche le normalmente quiete – almeno su cose simili – acque dell’arte? Ma poi forse è sopraggiunta anche un po’ di malcelata soddisfazione… Di che parliamo? Del bagarino beccato sabato pomeriggio mentre vendeva i biglietti per l’Affordable […]

L'ingresso di Affordable Art Fair

Sulle prime la reazione è stata di indignazione: possibile? Possibile che questo malcostume tipicamente da stadio, abbia contagiato anche le normalmente quiete – almeno su cose simili – acque dell’arte? Ma poi forse è sopraggiunta anche un po’ di malcelata soddisfazione…
Di che parliamo? Del bagarino beccato sabato pomeriggio mentre vendeva i biglietti per l’Affordable Art Fair – acquistabili a 13 euro all’ingresso di Superstudio Più – a cinque euro! Peraltro, gli ingressi eventualmente ottenuti per via “portoghese” sfuggono ai conteggi ufficiali: per cui i 15mila visitatori calcolati fino a venerdì, che gli organizzatori contano di raddoppiare con le due ultime giornate, andrebbero gonfiati di una quota-bagarinaggio…

– Caterina Misuraca

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Caterina Misuraca
Caterina Misuraca nata a Lamezia Terme nel 1976. Vive e lavora a Milano. Laurea all’Università di Bologna in Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo. Giornalista di cronaca, politica, costume e società. Curatrice mostre d’arte sociale (tra queste: OggettInstabili - Moti Urbani StazionImpossibili). Contitolare Agenzia di Comunicazione Misuraca&Sammarro. Organizza eventi di critical fashion ed ecodesign (tra questi: Natura Donna Impresa Verso Expò 2015 - IOricicloTUricicli). Dal 2008 collaboratrice di Exibart, da marzo 2011 passa ad Artribune.