Miami Updates: grande austerità, con un pizzico di esuberanza locale, Ecco le prime immagini del Vip Opening di Art Basel

Art Basel prima chiamata. Il Vip Opening ha aperto i battenti alle nove e trenta e dopo poche ore siamo già qui pronti con una prima gallery di immagini per voi. Duecentocinquanta le gallerie in mostra, per una fiera che mostra i muscoli e che si conferma ancora una volta la più importante al mondo. […]

Art Basel prima chiamata. Il Vip Opening ha aperto i battenti alle nove e trenta e dopo poche ore siamo già qui pronti con una prima gallery di immagini per voi. Duecentocinquanta le gallerie in mostra, per una fiera che mostra i muscoli e che si conferma ancora una volta la più importante al mondo. Ma anche la più istituzionale, con un panorama di grandi opere, artisti consolidati e pochi giovani. Anzi pochissimi. Dove negli stand la videoarte – fatta eccezione per le sezioni dedicate – è merce rarissima, e dove trionfano i pezzi da novanta. Artisti, galleristi e professionisti.
Ma naturalmente l’atmosfera di Miami la fa da padrone, così la serietà della proposta di Art Basel Miami Beach viene, e non solo per un attimo, disorientata dalla esuberanza locale, fatta di un gusto roboante e spesso eccessivo, che affonda le sue radici nella cultura pop, l’assenza di tradizioni che diventa meltin pot e nel glamour a tutti i costi locale.
Non stupisce, in tal senso, che la parte più interessante della fiera sembri proprio, ad una prima occhiata, Art Nova, la sezione dedicata ai progetti inediti, non necessariamente di nuovi talenti. Tra le proposte di questa sezione spiccano, una volta tanto, anche gli italiani. Qualche nome? Giuseppe Stampone da Prometeo Gallery e Claudio Parmiggiani da Messen de Clerq.

– Santa Nastro

Iscriviti a Incanti. Il settimanale di Artribune sul mercato dell'arte

 
 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è caporedattore di Artribune. È Responsabile della Comunicazione di FMAV Fondazione Modena Arti Visive e della Fondazione Pino Pascali. Collabora con Fondazione Pianoterra Onlus a Roma. È stata inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ha collaborato con l’American Academy in Rome. Dal 2011 al 2021 ha collaborato con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli. Dal 2006 al 2011 è stata Segreteria Scientifica del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con la testata Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni. È autore del saggio Come vivono gli artisti? edito da Castelvecchi (2022) nella collana Fuoriuscita.