Una Sola Moltitudine, e nessuna informazione. Nuovo spazio al debutto a Napoli nella zona calda di Chiaia

Perché nasce, cosa farà, chi lo promuove, non è dato sapere, il nuovo spazio Cellamare interno 56, che si inaugura a Napoli. Nessun accenno nella comunicazione a progetti di carattere generale, niente – da non credere, oggi – sito internet né email indicati, se non quella di un ufficio stampa. Solo un dato scritto con […]

Une delle opere in mostra

Perché nasce, cosa farà, chi lo promuove, non è dato sapere, il nuovo spazio Cellamare interno 56, che si inaugura a Napoli. Nessun accenno nella comunicazione a progetti di carattere generale, niente – da non credere, oggi – sito internet né email indicati, se non quella di un ufficio stampa. Solo un dato scritto con chiarezza, e che depone decisamente a favore: l’indirizzo “terrestre”.
Via Chiaia, che colloca la galleria decisamente dentro la zona calda del contemporaneo partenopeo, non distante – per fare pochi esempi – da campioni come Alfonso Artiaco, o Umberto Di Marino. Resta da vedere se l’attività sarà in linea con queste premesse, per ora solo “territoriali”. Debutto con la collettiva Una Sola Moltitudine, curata da Sabrina Vitiello e Fiorenzo D’avino, con opere di Davide Bramante, Renata Cagno, Peppe Cerillo, Costanza Costamagna, Simon Page-Ritchie.

Dal 30 settembre al 29 ottobre 2011
Palazzo Cellamare
Via Chiaia 149/D – Napoli
Tel. 3454893748

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.