L’inizio della fine? L’Olanda taglia i fondi alla cultura, e il Wereldmuseum di Rotterdam mette in vendita parte delle proprie collezioni

La vendita dei tesori artistici rappresenta per un paese un chiaro indizio di crisi finanziaria, l’ultima spia rossa verso un baratro economico che chiamare preoccupante è poco. È quanto potrebbe verificarsi in Olanda dove, come riporta l’agenzia Reuters, il direttore del Wereldmuseum di Rotterdam starebbe pianificando una massiccia vendita delle collezioni di arte africana ed […]

Il Wereldmuseum di Rotterdam

La vendita dei tesori artistici rappresenta per un paese un chiaro indizio di crisi finanziaria, l’ultima spia rossa verso un baratro economico che chiamare preoccupante è poco. È quanto potrebbe verificarsi in Olanda dove, come riporta l’agenzia Reuters, il direttore del Wereldmuseum di Rotterdam starebbe pianificando una massiccia vendita delle collezioni di arte africana ed americana, con l’obbiettivo di saldare i debiti attuali e per rinforzare il capitale del museo in vista delle imminenti recessioni economiche.
Venderemo l’intera collezione di arte africana ed arte americana, e conserveremo solo i pezzi migliori delle altre sezioni, in modo da poterci concentrare sull’arte dell’Asia”, ha dichiarato Stanley Bremer, direttore del Wereldmuseum. Il governo olandese ha pianificato tagli alla cultura per circa 200 milioni di euro, manovra che sortirà i suoi effetti a partire dal 2013, e in futuro obbligherà i musei a recuperare il 17,5% delle proprie risorse da partners privati o da enti di finanziamento non governativi.
Resta da vedere se le opere del Wereldmuseum potranno rimanere in territorio nazionale, ed essere cioé acquistate da altri musei in modo da preservarle al patrimonio culturale olandese.

– Alessandro Marzocchi

Un interno del museo

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alessandro Marzocchi
Alessandro Marzocchi (Milano, 1986) è studente presso l’Università degli Studi di Parma, curatore e speaker radiofonico. Specializzato in arte contemporanea, da anni ha un conto aperto con La Mariée mise à nu par ses célibataires, même. Ha realizzato una serie di saggi sulla figura di Marcel Duchamp, su Jean-Michel Basquiat e sull’architettura giapponese. Ha curato la mostra “Black in White” (Parma 2007), e diverse esposizioni presso la Galleria Il Sipario di Parma, tra cui: “Mario Sironi” (2007), “Mino Maccari – Il difetto dell’intelligenza” (2008), “Corsi a vedere il colore del vento” (2010), “Titina Maselli – Annullare la facilità” (2010), “Omar Galliani 1981-2006...attraverso” (2010) e “Ut Pictura – Mario Schifano e Piero Pizzi Cannella” (2010). Dal 2011 collabora con Artribune.