Nessuno tocchi la Pietà. Neanche in Sardegna. E arriva la (sottile) censura alle LucidoSottile

L’abbiamo vista in tutte le salse, non ultima quella di Fabre in Biennale, tant’è che è diventata uno dei soggetti più abusati dell’arte contemporanea, eppure in terra sarda la rivisitazione iconografica della Pietà, soggetto del manifesto che pubblicizza lo spettacolo Holy Peep Show della compagnia teatrale LucidoSottile, ha fatto si che l’evento in programma all’Orto […]

L’abbiamo vista in tutte le salse, non ultima quella di Fabre in Biennale, tant’è che è diventata uno dei soggetti più abusati dell’arte contemporanea, eppure in terra sarda la rivisitazione iconografica della Pietà, soggetto del manifesto che pubblicizza lo spettacolo Holy Peep Show della compagnia teatrale LucidoSottile, ha fatto si che l’evento in programma all’Orto Botanico fosse cancellato ad una settimana dalla rappresentazione.
Una Madonna Fata-Turchina che ostenta tra le braccia il corpo morto di un Cristo Pinocchio trans è bastata a sollevare un polverone che si è consumato con la decisione del rettore Gianni Melis di non mettere a disposizione l’Orto Botanico di Cagliari, di proprietà dell’Università, poiché manca dei requisiti necessari alla sicurezza. Problema che casualmente si è verificato esclusivamente per questa rappresentazione, sembrerebbe infatti che la compagnia sia stata richiamata a modificare i manifesti in caso contrario lo spettacolo sarebbe saltato. E così è stato.
Altro che questioni tecniche, solo irriverenza e blasfemia alla base della decisione del Magnifico Rettore. Ma le LucidoSottile, al secolo Tiziana Troja e Michela Sale Musio, non si danno per vinte e annunciano che lo spettacolo verrà rappresentato per strada come protesta ad una reazione inquisitoria che non ha motivo di esistere. Staremo a vedere.

– Roberta Vanali

www.lucidosottile.com

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.