Domenicale, ritorno al passato per l’inserto culturale del Sole 24 Ore

Lo aveva annunciato già la scorsa domenica, il neodirettore del Domenicale de Il Sole 24 Ore: il futuro è il passato, quindi si abbandona il comodo formato tabloid per tornare a quello disagevole del quotidiano. E all’interno: nessuna variazione sostanziale. Insomma, per ora il guizzo di Armando Massarenti si fa attendere, fra un report di Angela Vettese […]

Lo aveva annunciato già la scorsa domenica, il neodirettore del Domenicale de Il Sole 24 Ore: il futuro è il passato, quindi si abbandona il comodo formato tabloid per tornare a quello disagevole del quotidiano. E all’interno: nessuna variazione sostanziale. Insomma, per ora il guizzo di Armando Massarenti si fa attendere, fra un report di Angela Vettese from Basilea e una riflessione “scolastica” di Salvatore Settis.
In realtà il passo indietro – che non riguarderà soltanto il recupero del formato “lenzuolo” – si innesta in un ritorno all’ordine che il direttore del Sole24Ore ha imposto fin dal suo insediamento ad inizio primavera: “voglio portare il Sole a quel che era venti anni fa”, ha dichiarato. Contento lui…

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.