Si è inaugurata e noi c’eravamo: guardate come sono belle le opere della Biennale di Scultura di Roma…

Prendere una nota galleria romana e una curatrice ex consigliere municipale, metterla a capo dell’iniziativa, impastare qualche artista di rilievo come Salvador Dalì e Giorgio de Chirico con partecipanti la cui rilevanza artistica è tutta da verificare, aggiungere un pizzico del Vittorione (Sgarbi) nazionale, ed ecco che la portata è pronta! La Biennale di scultura […]

Romero Britto – For you

Prendere una nota galleria romana e una curatrice ex consigliere municipale, metterla a capo dell’iniziativa, impastare qualche artista di rilievo come Salvador Dalì e Giorgio de Chirico con partecipanti la cui rilevanza artistica è tutta da verificare, aggiungere un pizzico del Vittorione (Sgarbi) nazionale, ed ecco che la portata è pronta!
La Biennale di scultura di Roma, auto-declassata a rassegna, porta avanti l’opera autoreferenziale tra l’imbarazzo generale, evitando accuratamente qualsiasi riferimento all’intervento di ieri sera dei vigili urbani che hanno minacciato seriamente l’inaugurazione di oggi e che hanno intimato di sgombrare le opere abusivamente installate al Pincio (l’area di Villa Torlonia invece è stata concessa). Secondo Lamberto Petrecca, curatore insieme a Gloria Porcella, la proprietà della Casina Valadier, nelle cui pertinenze le opere sarebbero stateo installate, avrebbe avuto una regolare concessione per utilizzare lo spazio a fini culturali culturali. Smentendo così le notizie dell’imminente smantellamento delle opere dal Pincio. Insomma, Biennale sia: il giudizio sulle opere noi ci siamo scocciati di darlo. Fate voi le vostre deduzioni. Dopo aver visto le foto qua sotto.

Chiara Miglietta

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Chiara Miglietta
Chiara Miglietta (Galatina, 1982) è critica d’arte e curatrice. Attualmente vive tra Roma, Lecce e Londra, con la valigia sempre pronta. Ha un master in Curatore d’Arte Contemporanea con esperienza presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali in occasione dell’apertura del MAXXI (2009-2010). Collabora con alcune testate di settore come pubblicista, con particolare interesse verso la politica, l’attualità e l’economia dell’arte. Ha lavorato presso il Museo Chiostro del Bramante di Roma, curato la tavola rotonda Seix6 con i direttori delle Fondazioni romane (MLAC, Roma, 2010), l’evento Illuminando Lecce e l’esposizione Lumina Terrae (Lecce, 2011). Cofondatore dell’Associazione Culturale AttivArti.