Non tutti sanno che nel Mugello, in Toscana, c’è un piccolo borgo che ha dato i natali a due dei più grandi pittori che la storia dell’arte italiana abbia mai avuto. Il paese si chiama Vicchio e tra le sue colline verdeggianti hanno visto la luce Giotto e Beato Angelico.
Proprio a quest’ultimo è dedicato il museo omonimo inaugurato nel giugno del 2000: qui sono conservate e valorizzate opere d’arte di grande valore, sempre fortemente legate alla cultura religiosa del territorio; molte di queste provengono infatti dalle pievi che circondano Vicchio. Non manca anche un prezioso approfondimento dedicato al Settecento toscano, quando il Granduca Leopoldo, con il suo operato, portò prosperità alla popolazione.

Il Museo di Arte Sacra e Religiosità Popolare Beato Angelico è un piccolo gioiello che fa parte del progetto di museo diffuso locale e per arrivare a tutti ha deciso di offrire al pubblico anche una visita virtuale fruibile da remoto.

In questo video scopriamo in anteprima storia e curiosità di un luogo che non potrà mancare tra le tappe di chi visiterà questa valle a nord di Firenze, per assaporare cultura, storia e sacralità autentiche.

Consultate il sito per maggiori informazioni

Dati correlati
AutoreBeato Angelico
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.