La sagra della Primavera (Le Sacre du printemps) è probabilmente il lavoro più noto della danzatrice e coreografa tedesca Pina Bausch (1940 – 2009). La sua versione dell’opera omonima di Igor Stravinsky debuttò nel 1975 facendo grande scalpore nel mondo della danza: trenta ballerini su un palcoscenico coperto di terra, a torso nudo o con abiti leggeri, misero in scena una coreografia essenziale e potente, in un evento che fece storia.
Una nuova versione dello spettacolo avrebbe dovuto girare per i teatri del mondo nella primavera del 2020, grazie a una co-produzione di Sadler’s Wells (UK), Pina Bausch Foundation (Germania) ed École des Sables (Senegal). A causa dell’emergenza Covid-19, la tournée è stata annullata, ma poco prima del lockdown la compagnia – composta da 38 ballerini di 14 diversi Paesi africani – ha deciso di fare un’ultima prova sulla spiaggia, vicino alla sede dell’ École des Sables in Senegal. La spettacolare performance è stata ripresa da Florian Heinzen-Ziob che l’ha trasformata in un film, intitolato Dancing at Dusk – A moment with Pina Bausch’s The Rite of Spring, visibile on demand con un contributo di 5 sterline fino al 31 luglio 2020. I proventi raccolti serviranno per sostenere l’attività della compagnia e il futuro della produzione.

https://vimeo.com/ondemand/dancingatdusk

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.