Un progetto di arte collettiva, realizzato nel periodo di lockdown da un vasto gruppo di studenti dell’Accademia di Belle Arti di Macerata sotto la guida di Luigi Pagliarini, artista, ricercatore e docente presso l’istituzione marchigiana. Si tratta di una serie di video, accompagnata da un documento, il Manifesto per l’Arte Corale, che ne chiarisce le finalità. “Le necessità e gli obiettivi nell’era del Covid-19 vanno necessariamente verso un pensiero connettivo che veda gli esseri umani uniti verso un’unica direzione: una nuova umanità caparbiamente ecosistemica, colta e soprattutto riumanizzata”, scrive Pagliarini, “tutto ciò mi ha spinto in una direzione di ricerca sull’estetica che fosse, sì, collettiva ma che potesse superare il concetto stesso di collettività. È così che nasce quella che a me piace pensare come Arte Corale. Una forma d’arte dove gruppi di artisti convergono verso un unico segno, un’unica definizione, un unico scopo. Dove i personalismi vengono meno ed emerge l’insieme come valore più importante, come valore massimo”.
Il progetto #restaCorale – Saluti dal mondo in cattività, realizzato con il contributo delle allieve e dagli allievi dei corsi Teoria della Percezione, Psicologia della Forma e Sociologia del Corpo (oltre 150 studenti) sono state create tra aprile e maggio 2020 durante il periodo di isolamento dovuto all’emergenza Covid-19 e ne rispecchiano emotività e corporalità, restituendo una memoria storica del vissuto.
Il primo lavoro della serie, già online, si intitola #restaTrascendente ed è un’animazione in dodici tavole disegnate a mano realizzata con la classe di Semiologia del Corpo del Biennio. Seguiranno nelle prossime settimane altri video, realizzati dalle classi di Teoria della Percezione e Psicologia della Forma del Triennio: #restaUmano, #restaaCasa; #restaSicuro; #restaCreativo e #restaTeStesso.

Dati correlati
AutoreLuigi Pagliarini
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.