Qualcuno potrebbe dire che concentrarsi sulle cose positive è solo un modo per distrarsi, ma io non sono d’accordo. Penso che sia fondamentale per evitare di arrendersi. Ci dà energia, ci tiene impegnati, ci unisce. Forse ci offre anche una visione del mondo più veritiera di quella che ci viene mostrata di solito”. Commenta così David Byrne, artista e storico frontman dei Talking Heads, il suo ultimo progetto: Reasons to be Cheerful. Il sito è una piattaforma editoriale che vuole essere “un tonico in tempi tumultuosi”, cercando di riunire tutte le buone ragioni che ci sono al mondo per essere contenti e soddisfatti. Non genericamente “buone notizie”, quanto piuttosto “buone pratiche”, ossia soluzioni replicabili che possano aiutarci a migliorare il mondo che ci circonda.

www.reasonstobecheerful.world

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016, Lubiana 2017). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Attualmente insegna Digital Art al Politecnico di Milano. Dal 2011 collabora con Artribune.