Erano gli anni Ottanta quando Stefano Arienti (1961) decise di abbandonare la campagna mantovana e di avventurarsi nella metropoli milanese. Arienti trova una Milano “non solo da bere”: una città in espansione, stimolante, che ha voglia di sperimentare e dove si respira ad ampi polmoni, non solo la nebbia, ma anche un intenso fermento culturale. Una laurea in Agraria, e quindi un legame viscerale con la terra e la natura, sembrano un paradosso per un giovane che cerca di diventare artista nella caotica città meneghina; inizialmente saranno invece proprio queste peculiarità a fare la differenza e consentirgli di armonizzare la tradizione con l’innovazione.
La prima personale prende forma nel 1986 e non è un caso che si svolga nello studio di uno sperimentatore come Corrado Levi, con il quale si instaurerà un importante dialogo artistico e umano. Così come le frequentazioni presso la Casa degli Artisti coordinata da Luciano Fabbro.
Da qui tutto ha inizio e successivamente si instaurano collaborazioni con lo Studio Guenzani, tuttora in essere, e arrivano le mostre, sia in Italia che all’estero, in importanti gallerie e istituzioni museali.
Gli anni Ottanta sono anche identificati con la diffusione della musica pop e rock e con l’espansione della televisione commerciale: entrambe inclinazioni di Arienti e conseguenti stimoli per il suo lavoro artistico. Ecco allora le manipolazioni e trasformazioni delle immagini, ma anche l’uso di materiali poveri, semplici, di uso comune, come sacchetti di plastica, dischi in vinile, carte di vario genere, libri, enciclopedie, riviste e fumetti.
Come afferma lo stesso artista: “Io posso pensare di rivitalizzare degli oggetti e delle cose che vivono uno stato imperfetto, di sfalsamento per il loro uso costante. Nel mio lavoro fondamentale è il tempo, la sedimentazione dei materiali. Io non faccio parte della tipologia di artisti che ha visioni ossessivamente normative e conservative o che ritiene che si debba rispettare a ogni costo le disposizioni, spesso troppo limitative”.

– Alberto Mattia Martini

Dati correlati
AutoreStefano Arienti
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alberto Mattia Martini
Alberto Mattia Martini, critico d'arte e curatore ha al suo attivo numerose ed importanti mostre organizzate sia in spazi pubblici, che in gallerie private. Attualmente insegna Storia dell'arte, del costume e dei linguaggi artistici e Metodologia per la movimentazione delle opere d'arte, presso l'Accademia di Belle Arti Acme di Milano. Ha rivestito il ruolo di Direttore dell'Accademia di Belle Arti di Rovereto e di Direttore Artistico presso la Lbera Accademia di Belle Arti di Brescia, dove ha insegnato anche Storia dell'Arte Contemporanea e Moderna. Giornalista inscritto all'albo nazionale, ha collaborato e collabora con numerose testate tra cui tra cui: Flash Art, D’Ars, Artein Espoarte e Artribune.com. É inoltre inscritto all'Albo dei Consulenti Tecnici d'Ufficio del Tribunale di Parma. Ha collaborato per diversi anni, fino alla sua morte con Pierre Restany, noto critico internazionale nonché fondatore del movimento artistico del Nouveau Réalisme.