È il 1953 quando Marcello D’Olivo (Udine, 1921) disegna il piano regolatore a spirale di Lignano Pineta, progetto che lo renderà celebre come uno dei maggiori protagonisti di APAO, l’Associazione per l’Architettura Organica fondata da Bruno Zevi nel 1944. La bellezza della sua opera sta nel carattere organico della planimetria dalle forme sinusoidali, che ha più affinità con i modelli matematici che con le forme dell’abitare del tempo. Di Lignano Pineta non progetta solo le strade, ma anche gli edifici: celebri sono Villa Spezzotti e Villa Mainardis, due delle residenze balneari progettate dall’architetto, dalle forme concave e convesse ispirate alle ultime Usonian Houses di Frank Lloyd Wright (di cui la più famosa è la Jacobs House II).
A investire con una nuova luce il progetto di D’Olivo è il musicista Delmoro, al secolo Mattia Del Moro, nato a Tolmezzo (UD) nel 1985 e laureatosi presso lo Iuav di Venezia. Insieme al regista Bruno Noaro, infatti, ha scelto di girare il video del suo ultimo singolo Dove siamo finiti proprio all’interno di Villa Mainardis. Spiega l’artista: “l’architettura di D’Olivo è fortemente legata al contesto lignanese. Qui da bambino passavo le estati, ritrovo la dimensione domestica, non nostalgica ma genuinamente calda e amena. Poi sono rimasto colpito dalla qualità architettonica. Dalla concezione spaziale fino ai dettagli tecnici, è un vero e proprio gioiello dell’architettura italiana dal dopoguerra. Mi fa molto piacere che ora si riscopra una certa coolness, non nascondo che durante i miei studi allo Iuav di Venezia trovai snobismo verso quell’architettura organica nostrana”.

– Bianca Felicori

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Bianca Felicori
Bianca Felicori è architetto junior e studentessa del corso di Laurea Magistrale in Architettura e Disegno Urbano presso il Politecnico di Milano. Inizia il suo percorso nella redazione di Domus insieme all’ex direttore Nicola Di Battista, correlatore della sua tesi di laurea triennale “L’occhio dell’arte in Domus” dedicata al rapporto tra la disciplina artistica e quella architettonica, con il contributo di Mimmo Paladino. Dopo l’esperienza all’interno della redazione, partecipa attivamente agli eventi dedicati all’architettura in Italia - Salone Internazionale del Mobile e Biennale di Venezia. Nata a Bologna e residente a Milano, è oggi redattrice di Artribune e si occupa di architettura e arti visive.