La giovane popstar Billie Eilish (2001) è stata la prima musicista nata negli Anni Duemila a raggiungere la vetta delle classifiche americane. Il suo album d’esordio, When We All Fall Asleep, Where Do We Go?, scritto a quattro mani con il fratello Finneas O’Connell, è uscito lo scorso 29 marzo, ma il percorso verso la popolarità di Billie è iniziato nel lontano 2015 grazie al brano Ocean Eyes, caricato su Soundcloud e diventato virale su Internet nel giro di pochi giorni.
Il singolo You should see me in a crown, che ha anticipato il disco, è stato lanciato nei giorni scorsi con un videoclip d’artista, firmato nientemeno che dal giapponese Takashi Murakami (1962). Non un video qualsiasi ma un vero e proprio cortometraggio animato in cui un alter ego della Eilish si trasforma in un gigantesco ragno mutante, circondato dalle più tipiche creature manga dell’artista.
Murakami è un incredibile visionario. Collaborare con lui è stato un onore”, ha dichiarato Billie, che aveva già realizzato insieme all’artista una copertina e un servizio fotografico per la rivista Garage Magazine. Insieme al video, è stata lanciata anche una linea di merchandising in edizione limitata che comprende un toy in vinile con le sembianze della cantante.

Dati correlati
AutoreTakashi Murakami
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell'arte, curatrice e docente. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba. Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. La sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e nuove tecnologie, con particolare attenzione alle culture del web. Nel 2001 ha fondato Random Magazine, uno dei primi magazine online dedicati alla Net Art, ed è tra i membri fondatori delle riviste d’arte contemporanea Exibart e Artribune. Ha curato numerose mostre in musei e gallerie, tra cui “Netizens”, “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati”, “Maps and Legends. When Photography Met the Web”, “Eternal September” e “Stop an Go. The Art of Animated Gifs”. È stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” e ha lavorato come docente per numerose istituzioni pubbliche e private (Università di Roma La Sapienza, LUISS, Istituto Europeo di Design, Fondazione Moderna Arti Visive).