Un libro interattivo che ti riconosce e scrive in tempo reale una storia personalizzata. Facebook, questo il titolo del progetto – che fa ovviamente riferimento al social network più famoso al mondo – utilizza la tecnologia del riconoscimento facciale per identificare la persona che ha di fronte e poi confronta i dati raccolti con le informazioni ricercabili su Internet usando i motori di ricerca e i profili social. Con questi dati, l’installazione costruisce una storia che incorpora dettagli specifici sullo spettatore di turno: il suo nome, la sua età, il suo genere, la sua localizzazione, la sua data di nascita, il suo gruppo etnico e la sua professione.
Il progetto, ideato dall’art director newyorkese Lim Si Ping, vuole mettere in guardia sui pericoli della sorveglianza nell’era digitale, costruendo un’esperienza che è allo stesso tempo accattivante e inquietante.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

LEAVE A REPLY