Il senso di libertà “selvaggia” è quello che vive Zanna Bianca nei primi anni della sua vita. Un senso che gli viene strappato dall’uomo, troppo spesso padrone ed egoista verso gli animali e la natura. Questo è anche in breve l’incipit di una storia senza tempo e senza vincolo di generazioni. Una storia di cui potremo godere al cinema dall’11 ottobre grazie ad Adler Entertainment. Il regista Premio Oscar Alexandre Espigares realizza un film d’animazione, tratto dall’omonimo successo letterario di Jack London, dai colori veri della foresta e dal mood western e ricercato, confezionando un racconto avvincente visivamente per i più piccoli ma finemente pensato anche per i più grandi.

– Margherita Bordino

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.