Tra le colline dello stato di New York, nel parco di sculture Art Omi, i due artisti Alex Schweder e Ward Shelley hanno dato vita a ReActor: una casa di circa 13 metri di lunghezza che ruota su se stessa a 360° e si bilancia soltanto grazie a una singola colonna di cemento. La struttura, del tutto trasparente, si muove seguendo le oscillazioni prodotte all’interno dell’abitazione e si inclina in base al vento. I movimenti scenografici di ReActor, e del duo Schweder – Shelley, che l’ha abitato, sono stati visibili agli spettatori nel 2016 per cinque giorni.
Questo è un teatro contemporaneo in cui la “performance architecture” non è semplice spettacolo ma forma di ricerca. Costruire – fare arte – portare in scena uno spettacolo. Essere architetti, artisti, attori. Lo stupore e il fascino arrivano immediatamente in chi guarda, lo lasciano a pensare come l’architettura possa essere ancora declinata in molteplici forme, e lo cattura. Vista la grande attenzione che quest’opera ha suscitato, è rimasta nel parco di Omi fino all’agosto 2018.

Federica Gerini

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Gerini
Classe 1991, Architetto. Fabrianese di nascita ma fiorentina di adozione, con la passione per i viaggi, la fotografia e l’architettura. Un film di Wes Anderson, un libro di Calvino e una canzone degli Arctic Monkeys sono ciò che la descrivono al meglio. Dal 2015 collabora in uno studio di Architettura e Design a Firenze. Nel 2017 ha aperto il blog di architettura e viaggi Tornopercena. Da quel momento è contributor per magazine come Viaggio nel Mondo, FUL – Firenze Urban Lifestyle e The Italian Eye Magazine.