Un po’ Peter Pan, un po’ Paddington. Il nuovo lungometraggio della Disney porta in vita uno dei personaggi di fantasia più amati di sempre: l’orsetto giallo Winnie the Pooh. La storia, interpretata da Ewan McGregor, racconta le avventure di Christopher Robin, il bambino del cartone originale di A.A. Milne ed E.H. Shepard, che una volta cresciuto si trova a vivere una vita stressante in quel di Londra, costretto a dividersi tra il troppo lavoro e il poco tempo per la propria famiglia. I personaggi di Winnie the Pooh – non solo l’orsetto ma anche l’asino, il maiale e tutta la banda – si ripresentano all’improvviso, salvando il giovane Robin dai pericoli di una vita senza immaginazione e allegria, aiutandolo a riscoprire la gioia spontanea dell’infanzia.
Diretto da Marc Forster, il film arriverà nelle sale statunitensi il 3 agosto e in quelle italiane alla fine dello stesso mese con il titolo Ritorno al Bosco dei 100 Acri.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.