Ho preso quello di cui avevo bisogno dal suo lavoro, ma poi sono andato per un sentiero diverso”. Commenta così Wim Delvoye (1965) il suo rapporto con l’opera di Piero Manzoni, a cui spesso viene accostato, sia per la scelta di trattare un tema come quello delle feci umane (famosa la sua grande installazione Cloaca, che trasforma il cibo in merda), sia per un certo approccio dadaista e provocatore. L’artista belga, però, anche se conferma l’importanza di Manzoni nella sua formazione, spiega con chiarezza la differenza sostanziale del suo approccio: “Manzoni prendeva qualcosa da se stesso – il suo alito, o le sue feci – e diceva: guardate, io sono un artista, e poiché io sono un artista, anche questa è arte perché sono stata io a crearla. Quindi questa merda è arte. Nel mio caso, ho realizzato Cloaca che è una macchina, un’opera di bio-ingegneria che riproduce il comportamento di un essere umano producendo feci e riflettendo così su cosa significhi oggi essere umani”.

Dati correlati
AutoreWim Delvoye
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.