Gli uomini, si sa, hanno sempre dominato il mondo dell’arte, dai venerati “Old Masters” fino agli eroi dell’Espressionismo Astratto e oltre. E anche se le donne si stanno guadagnando sempre più spazio, la disparità, sia numerica che di trattamento, resta molto evidente. Sulla scia degli scandali che hanno coinvolto tante personalità del mondo del cinema e anche dell’arte in America negli ultimi mesi, il magazine Artsy ha deciso, in collaborazione con Gucci, di lanciare una nuova serie di video dedicata al tema della parità dei sessi in ambito culturale.
In queste tre puntate, dedicate rispettivamente al passato, al presente e al futuro, possiamo ascoltare le voci di tante artiste ormai storiche come Faith Ringgold, Marilyn Minter e Lynn Hershman Leeson, ma anche quelle delle generazioni più giovani, rappresentate da Miranda July, Petra Collinsand e Genevieve Gaignard.

www.artsy.net/gender-equality

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016, Lubiana 2017). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Attualmente insegna Digital Art al Politecnico di Milano. Dal 2011 collabora con Artribune.