La mostra di Jérôme Bel (Montpellier, 1964; vive a Parigi) al Centro per l’Arte Contemporanea Pecci di Prato, curata da Antonia Alampi, è la prima personale in un museo dedicata al coreografo francese, anche se le sue opere, sotto forma di performance live o di video, sono state esposte spesso all’interno di mostre e biennali in giro per il mondo.
Il titolo, 76’38’’ + ∞ allude alla somma delle lunghezze dei video: un incoraggiamento a osservare i lavori dall’inizio alla fine, norma classica all’interno del teatro, comportamento inconsueto nel museo. ∞ è invece riferito alle innumerevoli possibilità della nuova danza, un loop creato appositamente per il Pecci: un’opera senza fine realizzata per essere esperita dai pochi secondi all’eternità. La mostra si articola intorno a cinque opere chiave realizzate negli ultimi vent’anni ed è accompagnata da una performance live in anteprima nazionale nel contesto del festival Fabbrica Europa. La pièce, intitolata Gala (10 – 11 maggio 2017 alle ore 21, Stazione Leopolda di Firenze) riunisce danzatori professionisti e non per un lavoro che vuole essere una riflessione sul concetto stesso di danza.
Nel video che vi proponiamo, un estratto da uno degli spettacoli più conosciuti di Bel, Disabled Theatre, realizzato con la compagnia Theater Hora di Zurigo, un gruppo costituito da undici attori tra i 18 e i 51 anni con disabilità cognitive.

Evento correlato
Nome eventoJérôme Bel - 76’38’’ + ∞
Vernissage28/04/2017 ore 18
Duratadal 28/04/2017 al 25/06/2017
AutoreJérôme Bel
CuratoreAntonia Alampi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoCENTRO PER L'ARTE CONTEMPORANEA LUIGI PECCI
IndirizzoViale Della Repubblica 277 - Prato - Toscana
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.