Negli ultimi anni il genere dell’animazione particle-based si è diffuso prepotentemente. La sua improvvisa popolarità è dovuta in parte alla rapida evoluzione di software come
Houdini e Cinema 4D, le cui versioni più recenti permettono di creare immagini di sintesi in movimento basate su movimenti fluidi e precisi di milioni di piccolissimi elementi di base (sfere, poligoni, punte, coriandoli).
Un esempio brillante di questo filone è rappresentato da Reaction, un breve esperimento visivo firmato dall’animatore svedese Anton Woll Söder in collaborazione con lo studio musicale CypherAudio: un video ipnotico che gioca tutto sul contrasto tra la superficie nera e levigata dei volti e il proliferare delle particelle, che li ricoprono invadendoli come un inarrestabile virus multicolore.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.