L’arte torna al cinema con un film dedicato al genio di Giovanni Segantini (1858-1899), uno dei pittori più intensi del nostro Ottocento. Dopo essersi aggiudicato il Premio del pubblico all’ultimo Biografilm Festival di Bologna, arriva nelle sale italiane il 17 e il 18 gennaio il lungometraggio Segantini, ritorno alla natura, diretto da Francesco Fei, con Gioconda Segantini, Annie-Paule Quinsac, Franco Marrocco, Romano Turrini e con la partecipazione speciale di Filippo Timi.
A due anni dalla mostra milanese di Palazzo Reale, che attirò oltre 200 mila visitatori in 4 mesi, il film celebra la figura del grande pittore trentino e analizza a fondo la sua opera, troppo a lungo trascurata. Nonostante la precoce scomparsa, infatti (Segantini morì a soli 41 anni), la sua pittura segnò profondamente l’arte italiana e non solo, dando vita a una versione estremamente personale della poetica divisionista, intrisa di poesia e spiritualità. Spiega il regista: “nei suoi dipinti si percepisce l’energia della natura nella sua più intima essenza e la presenza dell’uomo è colta nel confronto totalizzante con essa. Il suo messaggio è al tempo stesso classico ed estremamente contemporaneo.”
Prodotto da Apnea Film e Diaviva, il film fa parte della stagione della Grande Arte al Cinema ed è distribuito da Nexo Digital in collaborazione con Sky Arte HD e MYmovies.it.

www.nexodigital.it/segantini-ritorno-alla-natura

Dati correlati
AutoreGiovanni Segantini
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.