Un minuto e mezzo per sintetizzare una poetica profonda e articolata. Marina Abramović (Belgrado, 1946) spiega i fondamentali del suo lavoro in questo breve video prodotto dalla Tate di Londra, in cui la sua inconfondibile voce viene accompagnata da un’animazione grafica a cura di Ben Collier-Marsh. I principi sono sostanzialmente due: far lavorare in maniera coordinata ma opposta i due lati del cervello, facendo in modo di essere, allo stesso tempo, estremamente concentrati ed estremamente rilassati e aperti; e cercare di confrontarsi con tutte quelle idee che ci mettono a disagio, forzando sempre i propri limiti. Perché, commenta Marina, “se nella via fai soltanto le cose che ti piacciono, non ci sarà mai trasformazione, rimarrai sempre allo stesso punto e continuerai a fare sempre gli stessi errori. È necessario correre dei rischi”.

Dati correlati
AutoreMarina Abramovic
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.

3 COMMENTS

  1. la teoria dei due emisferi è superata da anni dalle neuroscienze, informarsi… ah, già scusa non sei giornalista

LEAVE A REPLY