Un villaggio che è anche una grande opera d’arte in progress. Il cinese Song Peilun ha iniziato a costruire gli edifici della Yelang Valley oltre vent’anni fa, realizzando un sogno coltivato sin dall’infanzia. Le grandi torri che lo costellano sono ispirate alle antiche culture che abitavano questo sperduto angolo della Cina, nella regione dello Guizhou, alle loro maschere e ai loro riti ancestrali. Per realizzare questa impresa, Peilun si è avvalso dell’aiuto delle maestranza locali, che sono esperte da secoli nella lavorazione della pietra come materiale da costruzione. Oggi questo luogo, che non è concluso e continua a crescere, non è soltanto una meta turistica ma anche un punto di ritrovo per una folta comunità di artisti e musicisti che hanno scelto di viverci.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.