La prospettiva è insolita. Un punto di vista rialzato, come a volo d’uccello, ci accompagna in due dei gioielli di François Pinault a Venezia: Palazzo Grassi e Punta della Dogana. A girarli sono stati dei droni professionali, che hanno realizzato riprese sia all’interno che all’esterno, contestualizzando le due strutture nel panorama urbanistico eccezionale in cui si collocano.
Questi video”, ha dichiarato Mauro Baronchelli, direttore operativo di Palazzo Grassi, “sono stati prodotti con un intento preciso: far emergere il pregio architettonico degli spazi, l’incantevole contesto urbano all’interno del quale sono inseriti e poi scoprire che, soprendentemente, possano dialogare con il contemporaneo in modo attivo e peculiare. Sono queste alcune delle caratteristiche distintive degli spazi espositivi veneziani che fanno riferimento alla Pinault Collection e che volevamo sottolineare in maniera inedita”.

A breve verrà pubblicato anche un terzo video che andrà a completare questa ricognizione sugli spazi di Pinault: sarà dedicato al Teatrino di Palazzo Grassi, l’auditorium progettato da Ando e inaugurato nel 2013.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.