Un intenso video in bianco e nero racconta il montaggio di un’opera monumentale. Si tratta di Waterfall (2016), la cascata artificiale che Olafur Eliasson (Copenhagen, 1967) ha installato a Versailles lo scorso giugno. L’opera, che fa parte di una grande mostra site-specific che comprende tre grandi installazioni in esterni sul tema dell’acqua, presentata nei suoi tre stadi – liquido, solido e gassoso – troneggia nel viale centrale dei giardini della Reggia francese.
Per documentare il lavoro, che sarà visibile ancora soltanto per un paio di giorni, l’artista danese-islandese ha scelto di immortalarne la costruzione in un austero video, le cui suggestive riprese sono state realizzate anche grazie all’uso di un drone. L’altissima cascata, oltre a ricordare quella installata dall’artista a New York nel 2008, si ispira a un progetto mai realizzato di André Le Notre, giardiniere capo di Luigi XVI.

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni è storica dell’arte, curatrice e docente; la sua ricerca è incentrata sul rapporto tra arte e tecnologia, con particolare attenzione alle culture del web. Insegna Digital Art al Politecnico di Milano e Culture Digitali alla Naba – Nuova Accademia di Belle Arti di Roma. Ha pubblicato “Random. Navigando contro mano, alla scoperta dell’arte in rete” (Link editions, 2011) e “Memestetica. Il settembre eterno dell’arte” (Nero, 2020). Collabora con la redazione di Artribune dalla sua fondazione.