Il regista francese Michel Gondry (Versailles, 1963), premio Oscar nel 2005 per la sceneggiatura dello straordinario Eternal Sunshine of a Spotless Mind (Se mi lasci ti cancello), scritta a quattro mani con Charlie Kaufman, ha diretto alcuni videoclip memorabili. Le sue immagini hanno accompagnato la musica di artisti come Björk, Chemical Brothers, Beck, Massive Attack e Daft Punk, solo per citare i più noti. Ma la band con cui ha avuto il sodalizio più intenso e duraturo sono gli ora sciolti White Stripes, con cui ha lavorato ben quattro volte in passato, dando vita a piccoli capolavori come Fell in Love with a Girl, girato in stop-motion con i mattoncini Lego, e The Hardest Button to Button.
Per testimoniare ancora una volta la sua stima per la band americana, Gondry (che è anche batterista in una formazione chiamata Oui Oui), ha realizzato di nascosto un nuovo video che accompagna la traccia City Lights. La canzone, che sarebbe dovuta uscire originariamente nel 2005 all’interno dell’album Get Behind Me Satan, è stata invece rilasciata solo dieci anni dopo, nel 2015, quando Jack White ha deciso di completarla per una riedizione in vinile del disco.
Il videoclip, poetico e minimale come sono spesso i lavori del regista francese, è stato girato di nascosto e recapitato nei giorni scorsi agli uffici della Third Man Records, l’etichetta fondata da White nel 2001.

– Valentina Tanni

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016, Lubiana 2017). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Attualmente insegna Digital Art al Politecnico di Milano. Dal 2011 collabora con Artribune.