Un’intervista a Igor Zanti, curatore del Premio Arte Laguna 2012, pochi minuti prima dlel’opening della mostra che raccoglie le opere in short list. Ecco i nomi dei cinque vincitori assoluti: per la pittura l’italiana Cristina Gardumi; per la categoria Virtual Art, promossa dall’azienda vicentina Fope gioielli, la cinese Amelia Zhang; per la Scultura ancora un italiano, Simone Bubbico; premio Fotografia al tedesco Torsten Schumann; premio categoria Video + Performance allo spagnolo Luis Bezeta.

LEGGI ANCHE:

Arte Laguna, ecco i vincitori. Mentre all’Arsenale inaugura la mostra, la giuria assegna i premi. Tutte le info in tempo reale e una foto-gallery con i migliori artwork

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.