La concezione filosofica dell’immagine. A Firenze

Galleria Eduardo Secci, Firenze – fino al 12 novembre 2016. Una collettiva che esplora il rapporto segno/superficie; da Amadyar e Browne, a Guertin e Musgrave, un viaggio nei fondamenti dell’immagine.

Stephen Felton, Inverse - acrilico su tela
Stephen Felton, Inverse - acrilico su tela

Il punto di forza della mostra That feeling sono i dodici giovani artisti che vi partecipano (provenienti dagli Stati Uniti alla Germania passando per la Francia), cinque dei quali sotto i trent’anni. Dettaglio importante che denota la decisa apertura verso la più stretta contemporaneità. Il taglio curatoriale di de Chirico rivela il predominio dell’espressione sul contenuto, che, platonicamente, rende l’opera d’arte la forma ideale della realtà.
Colore, consistenza, volume, superficie, linea, sono gli elementi principali con cui si cimentano gli artisti esposti. Dal disegno astratto à la Paul Klee alla corrente della pittura analitica, da Rothko al Cubismo, la rassegna offre interessanti riletture del passato. In quest’ottica, però, s’insinua il dubbio che, venendo meno soggetto e contenuto, venga a mancare anche la funzione stessa dell’arte, non più foriera di intuizioni, stimoli e critica, bensì mero esercizio di stile.

Niccolò Lucarelli

Firenze // fino al 12 novembre 2016
That Feeling
a cura di Domenico de Chirico
artisti: Alice Browne, Heather Guertin, Stephen Felton, Joshua Citarella, Tamina Amadyar , Michael Debatty, Hanna Hur, Sofia Leiby, Alexander Lieck, Matthew Musgrave, Hayal Pozanti, Zoé de Soumagnat
EDUARDO SECCI
Piazza Goldoni 2
055 661356
[email protected]
www.eduardosecci.com

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/55811/that-feeling/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Niccolò Lucarelli
Laureato in Studi Internazionali, è curatore, critico d’arte, di teatro e di jazz, e saggista di storia militare. Scrive su varie riviste di settore, cercando di fissare sulla pagina quella bellezza che, a ben guardare, ancora esiste nel mondo.