Vate e sciamano. Ezechiele Leandro in Puglia

Sedi varie, Lecce – fino al 30 settembre 2016. Ezechiele Leandro, lo “sciamano ribelle”, autore del Santuario della Pazienza a San Cesario di Lecce, è il protagonista della retrospettiva “Leandro, unico primitivo”. Più di 150 opere, molte delle quali inedite, in mostra alla Distilleria De Giorgi di San Cesario di Lecce, al Museo provinciale Sigismondo Castromediano di Lecce e alla Galleria nazionale Girolamo e Rosaria Devanna di Bitonto.

Leandro, Santuario della pazienza - photo Beppe Gernone

UNA RETROSPETTIVA DETTAGLIATA
Un viaggio nella dimensione magico-primitiva di Ezechiele Leandro (Lequile, 1905 – San Cesario di Lecce, 1981): il “vate etnico”, lo “sciamano ribelle”, il “vecchio leone” di Lequile che, con la sua opera eterogenea, archetipica e primordiale, ha squarciato le barriere dell’inconscio collettivo, oltrepassando il confine tra sacro e profano. Una retrospettiva sistematica, Leandro unico primitivo – un percorso retrospettivo sull’opera di un artista outsider (1905-1981), celebra il grande artista pugliese, autore del Santuario della Pazienza a San Cesario di Lecce, controverso e magnifico complesso scultoreo formato da cemento e materiali di risulta, che ha recentemente ottenuto un riconoscimento culturale da parte del MiBACT e che per l’occasione viene riaperto al pubblico dopo alcuni anni. Più di 150 opere, molte delle quali inedite – tra mobili dipinti dall’artista negli Anni Sessanta, un ciclo di dipinti legati alla vita di San Francesco mai esposti prima d’ora e documenti inediti – costituiscono il corpus della mostra, che si snoda in tre sedi diverse: la Distilleria De Giorgi a San Cesario di Lecce, il Museo provinciale Sigismondo Castromediano di Lecce e la Galleria nazionale Girolamo e Rosaria Devanna di Bitonto.

Leandro, Gli scienziati della luna, 1967, 75,5x99cm, collezione privata - photo Beppe Gernone
Leandro, Gli scienziati della luna, 1967, 75,5x99cm, collezione privata – photo Beppe Gernone

UNA LUNGA CARRIERA
Il progetto – promosso dalla Soprintendenza belle arti e paesaggio per le province di Bari, Barletta-Andria-Trani e Foggia, con il sostegno del MiBACT – è curato da Antonella Di Marzo, Lorenzo Madaro, Brizia Minerva e Tina Piccolo, mentre l’allestimento è stato affidato all’architetto Pietro Copani. Come dichiara il critico Lorenzo Madaro: “Mi sono occupato più volte di Ezechiele Leandro nel corso degli ultimi anni, anche grazie alla mia collaborazione con il Comune di San Cesario, ma questa è la prima vera grande retrospettiva sull’artista, frutto del lavoro di squadra dei quattro curatori e di una scelta ragionata di un corpus molto vasto di opere appartenenti a collezioni private”. In particolare, infatti, la Galleria nazionale della Puglia a Bitonto espone opere di Leandro appartenenti ai collezionisti Girolamo e Rosaria Devanna, mentre il Museo Castromediano propone opere rare dell’artista pugliese, tra mobili e sculture di vari formati, una sezione video e una sezione dedicata ad artisti outsider (tra i quali Giovanni Bosco e Carlo Zinelli) realizzata in collaborazione con Rizomi Art Brut di Torino. La Distilleria De Giorgi, infine, espone dipinti di grandi dimensioni, sculture in cemento, assemblaggi e una vasta documentazione video su Leandro e sul Santuario della Pazienza, ricostruita con l’aiuto di Antonio Benegiamo, nipote dell’artista.

Cecilia Pavone

Lecce // fino al 30 settembre 2016
Ezechiele Leandro – Leandro unico primitivo. Un percorso retrospettivo sull’opera di un artista outsider (1905-1981)
a cura di Lorenzo Madaro, Antonella Di Marzo, Brizia Minerva, Tina Piccolo
SEDI VARIE
0832 683503

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/54889/leandro-unico-primitivo/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Cecilia Pavone
Giornalista professionista, Cecilia Pavone è nata a Taranto e ha conseguito la laurea in Filosofia con specializzazione in Storia delle Dottrine Politiche all'Università degli Studi di Bari. Nel suo percorso professionale giornalistico ha lavorato per il quotidiano "Nuovo Corriere Barisera" di Bari specializzandosi nel settore cultura e spettacoli. Tra le sue collaborazioni: "Il Settimanale" di Bari, "Il Resto del Carlino" di Bologna, "Exibart" dal 2007 fino al febbraio 2011, quando ha seguito Massimiliano Tonelli e Marco Enrico Giacomelli alla nuova testata d'arte "Artribune". Attualmente scrive anche su "Lobodilattice.com" e "Metalwave.com".