Basta guardarla (l’Asia). Una mostra a Cagliari

Exma, Cagliari – fino al 28 agosto 2016. Una selezione di opere – tra pittura, fotografia e installazione – dalla collezione di Antonio Manca restituisce uno spaccato delle trasformazioni politiche, sociali e culturali in Asia. Il primo atto di un progetto più ampio che passerà in rassegna i cinque continenti.

Li Wei, Liwei falls to the ice hole, Beijing 31 01 2004
Li Wei, Liwei falls to the ice hole, Beijing 31 01 2004

Li Wei, Liwei falls to the ice hole, Beijing 31 01 2004

    Li Wei, Liwei falls to the ice hole, Beijing 31 01 2004

La pace è una vittoria virtuale, muta, continua, delle forze possibili contro le bramosie probabili. Ci si vanta di poter imporre la propria volontà all’avversario. Ma può essere una volontà nefasta. Gli unici trattati che varrebbe la pena di concludere sarebbero quelli tra i pregiudizi”. Non avrebbe potuto scrivere niente di più contemporaneo, Paul Valéry, nella raccolta di saggi Sguardi sul mondo attuale, titolo preso in prestito per il nuovo progetto dell’Exma, in collaborazione con il collezionista sardo Antonio Manca, il cui obiettivo è restituire una lettura del mondo e delle sue trasformazioni politiche, sociali e culturali attraverso le diverse testimonianze artistiche, nel primo dei tre appuntamenti riservato ai Paesi asiatici. Un’occasione di approfondimento della realtà e del valore dell’arte come strumento di analisi della società contemporanea.

Ex Unione sovietica, Cina, Giappone e Indonesia sono i Paesi che passano sotto la lente d’ingrandimento nel primo atto del progetto, iniziando dalla Russia con Peter Belyi e la Biblioteca di Pinocchio, simbolo della precarietà delle ideologie e della disillusione nei confronti del passato. A seguire il dissacrante Oleg Kulig con la serie Dead Monkeys, primi piani di scimmie tassidermizzate per riflettere sul conflitto tra natura e cultura, fino a Eugeny Yufit e il suo necrorealismo fotografico.
A rappresentare la Cina non poteva mancare il rivoluzionario performer Li Wei, uno degli artisti più impegnati politicamente, in mostra con alcune foto della serie Li Wei to falls dove, tra surreale e grottesco, appare con la testa conficcata al suolo, oltre a Zhang Huan, anch’esso performer, che in My Rome si lascia immortalare all’esterno dei Musei Capitolini.

Oleg Kulik, Dead Monkeys, 1998
Oleg Kulik, Dead Monkeys, 1998

E se per il Giappone sono Nobuyoshi Araki e Hiroshi Sugimoto a farla da protagonisti, il primo con una serie di polaroid che va dagli scatti meno noti degli Anni Settanta a Giza alle più celebri e raffinate rappresentazioni bondage, mentre il secondo, tra realtà e finzione, blocca le onde di un mare plumbeo per edulcorarne il pericolo, per l’Indonesia è Entang Wiharso, uno degli artisti più rappresentativi ad avere una posizione centrale con l’opera intagliata nell’alluminio Desire Alive: American Dream, che tra cultura orientale e cultura occidentale indaga il lato oscuro dell’umanità attraverso la dimensione glocal.
Pittura, fotografia e installazione vanno a strutturare il percorso della prima tappa di un progetto più ampio che si configura come un viaggio attraverso i continenti corredato da una serie di pubblicazioni relative agli artisti e alle opere in mostra per un ulteriore approfondimento.

Roberta Vanali

Cagliari // fino al 28 agosto 2016
Sguardi sul mondo attuale #1 – Eastern Eyes
a cura di Simona Campus
EXMA
Via San Lucifero 71
070 666399
[email protected]
www.exmacagliari.com

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/55127/sguardi-sul-mondo-attuale-1-eastern-eyes/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Roberta Vanali
Roberta Vanali è critica e curatrice d’arte contemporanea. Ha studiato Lettere Moderne con indirizzo Artistico all’Università di Cagliari. Per undici anni è stata Redattrice Capo per la rivista Exibart e dalla sua fondazione collabora con Artribune, per la quale cura due rubriche: Laboratorio Illustratori e Opera Prima. Per il portale Sardegna Soprattutto cura, invece, la rubrica Studio d’Artista. Orientata alla promozione della giovane arte con una tendenza ultima a sviluppare ambiti come illustrazione e street art, ha scritto oltre 500 articoli e curato circa 150 mostre per gallerie, musei, centri comunali e indipendenti. Tra le ultime: la doppia mostra di Carol Rama in Sardegna, L’illustrazione contemporanea in Sardegna, Archival Print. I fotografi della Magnum. Nel 2006 ha diretto la Galleria Studio 20 a Cagliari. Ha ideato e curato la galleria online Little Room Gallery (2010-13). Ha co-curato le mostre del Museo MACC (2015-17), per il quale nel 2018 è stata curatrice. Ha scritto saggi e testi critici per numerosi cataloghi e pubblicazioni. Il cinema è l’altra sua grande passione.