Dalla parte dei vincitori. Loredana Longo a Palermo

Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo – fino al 22 giugno 2016. L’artista catanese realizza una grande installazione che riflette su temi di cronaca scottanti come la guerra e l’immigrazione. Un percorso che mette in luce le ombre della storia contemporanea, raccontata dai “vincitori” e filtrata dai mass media.

Loredana Longo. VICTORY. Aleppo, bruciature a mano su velluto di seta, cm 87 x 136. Foto Francesco Cuttitta. Courtesy FPAC
Loredana Longo. VICTORY. Aleppo, bruciature a mano su velluto di seta, cm 87 x 136. Foto Francesco Cuttitta. Courtesy FPAC

“La vittoria di qualcuno è sempre la sconfitta di qualcun altro. Dietro una vittoria c’è sempre dolore, qualcuno ha sofferto per essa”. Così Loredana Longo (Catania, 1967) parla di Victory, la sua quarta personale alla galleria di Pantaleone. La mostra è una pantomima sulla guerra, quella contemporanea, costruita attraverso le logiche mediatiche, i simboli e le parole: l’artista crea negli ambienti della galleria un percorso a ostacoli, un luogo immaginario in cui si intrecciano episodi di vita reale e di cronaca. Sparse sul pavimento, anonime coperte in feltro ridotte a brandelli ricordano il dramma della migrazione nel Mediterraneo. Alle pareti, i paesaggi di Aleppo e Palmira affiorano dal velluto sotto forma di bruciature, realizzate da Longo con un saldatore elettrico: le due città risorgono metaforicamente dalle loro stesse ceneri, recuperando la bellezza che la guerra ha loro sottratto. Sugli arazzi campeggia la scritta Victory che, come un inquietante slogan pubblicitario, si impone anche nelle sculture in marmo. Infine i separé in cemento, i muri che separano popoli e i muri dell’indifferenza: entro le mura, un’accecante carta da parati è decorata con un intricato motivo in stile Liberty, da cui emerge in maniera compulsiva la parola Sorry, versione borghese e politicamente corretta di excusatio non petita accusatio manifesta.

Desirée Maida

Palermo // fino al 22 giugno 2016
Loredana Longo – Victory
a cura di Valentina Bruschi
FRANCESCO PANTALEONE
Via Vittorio Emanuele 303
091 332482
[email protected]
www.fpac.it

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/53142/loredana-longo-victory/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.