Sotto il segno di Luigi Ghirri. La fotografia italiana a Roma

Galleria 1/9 Unosunove, Roma – fino al 30 luglio 2016. Cinque artisti, tutti legati in qualche modo a Luigi Ghirri, offrono, attraverso l’obiettivo, una visione della natura come esperienza esistenziale. In una mostra che punta lo sguardo sulla fotografia italiana degli ultimi decenni.

Vittore Fossati, Genova, 2000
Vittore Fossati, Genova, 2000

La selezione dei cinque artisti in mostra nella galleria capitolina ruota intorno alla figura di uno dei più celebrati fotografi italiani del Novecento: Luigi Ghirri, che ha immortalato la natura, il paesaggio, ma anche l’architettura del nostro paese. Una poetica che ha lasciato la figura umana al margine, in una posizione defilata, quando non assente, e che, tuttavia, diventa il punto di vista privilegiato della ricerca artistica. Il mondo così come appare ricalca questa visione di una realtà che sta fuori, ricercata nel caos della natura e nei suoi segni della civiltà, ma che è prima di tutto un’idea interna, un’immagine restituita, sintesi di un’esperienza esistenziale, una più vasta visione lirica e personale del fuori da sé.
In mostra le fotografie di Guido Guidi, Vittore Fossati, Cesare Ballardini, Paola De Pietri e Marcello Galvani.

Calogero Pirrera

Roma // fino al 30 luglio 2016
Il mondo così come appare
1/9 UNOSUNOVE
Via degli Specchi 20
06 97613696
[email protected]
www.unosunove.com

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/54017/il-mondo-cosi-come-appare/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Calogero Pirrera
Calogero Pirrera (1979) è uno storico dell’arte specializzato in arte moderna e contemporanea, videoarte, didattica museale e progettazione culturale. Vive attualmente a Roma. Ha collaborato con la cattedra di Istituzioni di Storia dell’Arte della Facoltà di Architettura di Valle Giulia, con alcune gallerie come Il Ponte Contemporanea e LipanjePuntin, oltre che con Festarte – Festival Internazionale di VideoArte, che lo vede impegnato nella mappatura globale dei festival di videoarte con la rubrica “International Contest”. Ha all’attivo alcune pubblicazioni che indagano l’arte antica come quella contemporanea. Tra le mostre curate si ricorda "Il Duomo di Milano dalla Lombardia all’Europa", ospitata presso il Duomo meneghino nel 2005 e il relativo catalogo. Ha scritto e scrive per EosArte, TribeArt e Artribune.