Alla luce del buio. Andrea Rosset a Torino

Fusion Art Gallery, Torino – fino al 7 maggio 2016. Luce e buio costituiscono la materia che compone le opere di Andrea Rosset. Un dialogo serrato fra soggetto, autore, mezzo fotografico e pubblico.

Andrea Rosset – Intra - installation view at Fusion Art Gallery, Torino 2016 - photo Davies Zambotti
Andrea Rosset – Intra - installation view at Fusion Art Gallery, Torino 2016 - photo Davies Zambotti

Andrea Rosset è un fotografo che sceglie di non premere il dito sull’otturatore e che, quando la macchina fotografica autonomamente scatta, inizia a dipingere.
In mostra a Torino tre serie fotografiche nelle quali Rosset sottrae al buio i suoi soggetti, disegnando le immagini fotografiche usando una torcia come pennello. Lo scatto non si esaurisce con l’istantanea catturata, né con il controllo totale del mezzo di ripresa, ma cresce durante un lungo e dinamico esercizio di conoscenza della fisionomia del soggetto in posa.
Nello spazio interstiziale tra soggetto, fotografo, macchina e poi spettatore nascono i ritratti della serie Restrain, cerchio d’anime tumide in apertura di mostra, le lightbox di Emme e le 37 anatomie spigolose di La Cifra, in proiezione nella seconda stanza della galleria trasformata in camera obscura.

Veronica Mazzucco

Torino // fino al 7 maggio 2016
Andrea Rosset – Intra
FUSION ART GALLERY
Piazza Peyron 9g
349 3644287
[email protected]
www.fusionartgallery.net

MORE INFO:
https://www.artribune.com/dettaglio/evento/52786/andrea-rosset-intra/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Veronica Mazzucco
Nata nel 1987 a Feltre. Di formazione classica, presto scopre una passione per le arti visive. Dopo la laurea in Conservazione dei beni culturali a Udine, decide di trasferirsi a Venezia per specializzarsi in Economia e gestione delle arti e avvicinarsi ad un ambiente artistico più fervente e legato al contemporaneo. Parallelamente al percorso universitario ha avuto la possibilità di collaborare con organizzazioni quali la Peggy Guggenheim Collection e la Biennale di Venezia. Attualmente, oltre che di arte contemporanea, si interessa di industrie culturali e creative.